Chi siamo

Figli tornati al padre

Tutto è nato nel 2005 quando mi sono resa conto della totale assenza di una struttura sociale che potesse fornire un'adeguato sostegno psicologico-spirituale ai genitori che si trovavano a dover affrontare una tragedia così devastante come la perdita improvvisa a seguito di incidente o per malattia, di una parte così viscerale di se stessi: i propri figli.

Ho capito che non doveva più succedere, come successe a me, di non sapere a chi rivolgermi nel tentativo di capire ed elaborare un simile lutto. Certo, ci sono i parenti, gli amici, ma una simile sofferenza ti porta ad isolarti da questi affetti per non essere compatiti ne impietositi ma, ancora di più, per non pesare su di loro con il proprio carico di dolore.

Ricordo ancora quei mesi angoscianti quando l'unico mio desiderio era quello di nascondermi, di rintanarmi in me stessa, di non voler ascoltare o vedere nessuno. Volevo solo sapere dove fosse mio figlio, era l'unica cosa che ancora mi dava un'anelito di vita, e così iniziò la ricerca di chi potesse mettermi in contatto con lui, la lettura di libri che mi parlassero dell'aldilà, della vita oltre la vita.

Ma non mi bastava...fino a quando, un giorno, dopo sette mesi esatti, finalmente qualcuno ha bussato al mio cuore, mi ha teso la sua mano per farmi uscire da quel tunnel buio e angosciante per riportarmi alla luce: Lei, la nostra Mamma Celeste.

Non posso ora raccontarvi cosa è accaduto tra Lei e me, richiederebbe troppo tempo, ma posso dirvi che se oggi sono qui, serena e in perfetta pace, a parlarvi così apertamente, è solo ed esclusivamente grazie a Lei.

Credetemi, il Cielo mi si è improvvisamente spalancato alla mia vista e alle mie orecchie, e dal quel cielo mi è giunta la richiesta di fondare un'associazione che potesse fornire un'aiuto morale e spirituale a quei genitori alla disperata ricerca di un perchè o di un'aiuto per non soccombere alla terribile sofferenza di un distacco così crudele ed innaturale.

Non sapevo dove cominciare, come fare, ma intuivo che andava fatto, ho provato diverse strade con pazienza e determinazione, finchè un sacerdote, ora mia guida spirituale, mi ha offerto la sua parrocchia e la sua guida, e così ho iniziato....mi sono avvicinata a quelle mamme piangenti e addolorate per la perdita del loro figlio/a, nonostante la mia paura di essere respinta, una per una, invitandole ad unirsi a me, a formare un piccolo gruppo che potesse crescere per recare sollievo e speranza, una porta aperta per chiunque avvertisse il bisogno di entrare.

Oggi, posso finalmente dire che il progetto è decollato, sta dando i suoi frutti concreti, da circa tre anni siamo un'associazione legalmente costituita, con un suo statuto e un suo comitato direttivo. Abbiamo ottenuto la collaborazione del consultorio diocesano che offre gratuitamente una terapia psicologica indivuale su richiesta del diretto interessato, di due psicologhe volontarie che seguono il gruppo collettivamente, da quattro anni oganizziamo sotto le feste di natale una speciale messa per i figli in cielo e le loro famiglie, un momento intimo da condividere tutti insieme, con video e musiche e letture particolari, officiata dal nostro Vescovo, momenti commoventi che ci fanno sentire uniti come non mai ai notri angeli e tra di noi.

Abbiamo inoltre iniziato ad organizzare dei brevi pellegrinaggi al Volto Santo di Manoppello, alla Madonnina delle Lacrime a Civitavecchia, a Collevalenza da Madre Speranza e prevediamo di farne altri.

Ci piacerebbe aprire altre sedi in altre zone, per far si che questo progetto si estenda anche su altri territori, non serve molto per fare questo, un sacerdote, una saletta dove riunirsi una volta al mese, per un paio d'ore, un coordinatore e tanto, tanto amore e desiderio di donarsi agli altri.

Ancora oggi sono stupita di come si stanno evolvendo le cose, gli ostacoli e le difficoltà nel portare avanti questo progetto sono tanti, quante volte avrei voluto arrendermi, ma ogni volta ecco una spinta dal cielo, come a volermi incoraggiare a continuare.

Anche il fatto di essere qui, oggi, con tutti voi, di aver conosciuta tante belle persone non è un caso ma un'espressa volontà di Dio affinchè camminiamo tutti insieme verso la realizzazione di una missione di grande umanità e solidarietà.

Facebook